Dopo 9 ps, sempre Gino-Ravera fra le moderne, Musti-Zanini tra le storiche

Dopo nove speciali e quando al termine del Rally Valli Cuneesi 2019 manca solo più una prova, ovvero gli 11,85 chilometri della Montemale, Gino-Ravera sono sempre al comando della gara. L’equipaggio della Ford Fiesta Wrc, dopo aver vinto le prime sei speciali, sigla anche il secondo passaggio sulla Brondello, settima prova nel programma di giornata. La loro cavalcata trionfale ha una battuta di arresto sulla successiva Valmala vinta dagli elvetici Carron-Revaz su Volkswagen Polo R5 ancora secondi in classifica assoluta. La loro è solo una battuta perché tornano a vincere sulla nona speciale ribadendo la loro forza. Carron-Revaz entrano nell’ultima assistenza con un ritardo di 27” inseguiti, a soli 3”6 da Elwis Chentre ed Elena Giovenale su Skoda Fabia R5.

Fra le storiche tutto apparentemente facile per Matteo Musti e Paolo Zanini che vincono tutte e nove le speciali fino ad ora corse ed entrano in assistenza con un tempo complessivo di 53’11”8. Alle spalle della Porsche 911 dell’equipaggio vogherese, a 1’11”3, Manuel Villa e Daniele Michi su Bmw M3 si confermano secondi. Usciti di scena sulla ottava speciale Politano-Bodrito per un guasto meccanico allo loro Lancia Delta Integrale e quando anche per la gara delle storiche manca solo più una prova, sul terzo gradino del podio, a 3’44” dal duo di testa, salgono a questo punto i lombardi Beniamino Lo Presti e Flavio Zanella su Porsche 911 SC.

Dopo le prime nove speciali, concludono 68 equipaggi tra le moderne e 14 equipaggi tra le storiche.

Nella “Coppa 127” continua la cavalcata di Pasetto-Salvo.

Nel Trofeo Renault Clio R3 Open, dopo nove speciali sempre al comando Tondina-Dresti; nel Trofeo Renault Clio N3 a guidare la classifica sono sempre Cittadino-Barbero. E ancora, sempre Pizio-Rubinelli, su Ford Fiesta R5, al vertice nel Trofeo Michelin Cup.

Condividi questo post


Indietro